• Type:
  • Genre:
  • Duration:
  • Category:
  • Average Rating:

Biscotti multicolore

Ogni bambino cresce con la convinzione di avere qualcosa di speciale. Glielo dicono i genitori perché gli vogliono bene, e di solito lui ci crede. 

Che poi questo possa causare dei problemi nel futuro, poco importa. Almeno durante l’infanzia tutti i bambini (o quasi) possono andare avanti a testa alta. Ed è solo grazie all’amore dei genitori.

Qual è il colore dell’amore? 

No, non è il rosso. Quel rosso richiama un amore antico, stereotipato. Nel 2021 devono essere accettate nuove sfumature: arancione, giallo, verde, blu, viola, magenta, per esempio. 

Se è vero che gran parte dei figli vengono amati dai propri genitori, altri non possono dire lo stesso. Non dipende dal loro essere cattivi o da una loro scelta. Accade unicamente per questioni di cuore. 

Eppure, ci viene insegnato che famiglia è casa, che in casa puoi essere te stesso e verrai amato comunque. Forse in futuro sarà così. 

È un momento storico così delicato che non solo i pensatori o gli intellettuali devono esprimersi a riguardo; c’è bisogno della voce di tutti. 

Bisogna modificare la percezione di chi ha troppa paura del domani per notare che il futuro è sempre stato qui. 

Lo fanno gli influencer, che hanno un pubblico più vasto rispetto alle persone comuni (pensiamo a Fedez, che tra le ultime cose ha lanciato una linea di smalti e si è espresso a favore di una legge contro i crimini omofobi). 

E, naturalmente, lo fanno anche i Brand. 

Tra molti che si sono esposti in materia lgbt+, parliamo del marchio di biscotti (buonissimi) Oreo

Oreo nel 2020 produce un cortometraggio che spiega come un mondo pieno di amore nasce grazie a case piene d’amore. Case in cui la parola d’ordine è accettare. Accettare le differenze e amarle; anche senza capirle. 

Il nome del cortometraggio è Proud Parent, e si riferisce ai genitori di una ragazza che porta a casa la sua fidanzata. 

Mentre sua mamma è immediatamente comprensiva, suo padre ha bisogno di più tempo. 

È su di lui che voglio portare l’attenzione. Lui, esponente di una società abitudinaria, che fa fatica ad accettare ciò che si scosta dalle aspettative. Ma è anche il personaggio migliore, perché mostra che tutti possono cambiare. 

Ed ecco che l’amore enorme verso sua figlia diventa ancora più grande quando lui è in grado di dipingerlo di altri colori: arancione, giallo, verde, blu, viola, magenta. Oltre al rosso, naturalmente. 

Sono questi i colori del ripieno dei biscotti limitati Oreo, che venivano vinti da chi postava una fotografia insieme ai suoi Proud Parents; e sono i colori della bandiera lgbt+ a cui ne vengono aggiunti sempre di più per estendere l’amore sempre più in largo. 

 

 

 

Elisabetta Pitrone
Scroll to top